Sentiero De Magistris

turismo.comune.caldarola.mc_.it_

Per accedere al sentiero, che inizia dal cimitero di Caldarola, bisogna percorrere la strada statale che dalla Piazza di Caldarola conduce a Sarnano, girare a dx al primo incrocio con direzione Croce e Vestignano (frazioni del Comune di Caldarola), giungere davanti al cimitero e magari trovare un parcheggio. Alla sx della strada, contraddistinto da un […]

La via dei Presepi: da Pievefavera a Montalto

Gli abitanti della frazione di Montalto di Cessapalombo, in collaborazione con gli abitanti delle frazioni di Pievefavera, Croce e Vestignano, non si sono fermati difronte alle avversità del sisma ed hanno dato vita “alla via dei presepi”. L’evento che da diversi anni si svolge dall’8 dicembre sino al mese di gennaio ha una sua particolarità: offre […]

Alberi monumentali

caldarolaturismo.it

L’albero più famoso è senza dubbio il pino italico o domestico (Pinus pinea) del castello Pallotta, tanto da essere comparso (per ora) su tre autorevoli libri. Dopo l’uscita del volume ‘Alberi custodi del tempo’ a cura della Provincia di Macerata, avvenuta nell’aprile 2004, si è scoperto che l’albero non avrebbe 406 anni, come sostiene la […]

Abbazia S. Benedetto di Sasso Latrone

turismo.comune.caldarola.mc.it

Su uno sperone roccioso, si innalzano i resti di un vasto edificio, tutto circondato da una fitta lecceta: è quanto rimane dell’antica Abbatia sancti Benedicti de crypta Saxi Latronis. Questo monastero benedettino, probabilmente risalente al IX–X secolo, prima di essere trasformato in eremo fu una vera e propria fortificazione posta ai confini dell’area d’influenza monastica […]

Area archeologica di Pievefavera

Questo sito di epoca romana, individuato lungo la sponda meridionale del Lago di Pievefavera, conferma la rilevante presenza di emergenze archeologiche lungo tutta la valle del Fiume Chienti, naturale via di comunicazione dalla costa all’entroterra marchigiano. Le strutture rinvenute, di fondazione tardo repubblicana ma esistenti almeno fino al I secolo d.C., appartengono alla pars rustica di […]

Chiesa di Pievefavera

archivio comunale

Eretta nel XII secolo, è stata molto rimaneggiata nel tempo; la facciata presenta un portale a tutto sesto con decorazioni altomedievali. L’interno, di gusto barocco, è a sala unica con quattro cappelle laterali e un imponente altare centrale; conserva un’opera pregevole: un San Sebastiano ligneo cinquecentesco. La canonica è accostata alla chiesa seguendo l’andamento del […]

Simone de Magistris

Nato probabilmente nel 1538, è l’esponente più significativo della famiglia De Magistris, tutta composta da pittori di un certo rilievo. Si forma presso la bottega familiare e si sposta quindi a Loreto, dove frequenta brevemente la bottega dell’anziano Lorenzo Lotto. Riconosciuto protagonista del Manierismo italiano, lavora a lungo per il Cardinale Evangelista Pallotta. Molte le […]

Lago di Pievefavera

turismo.comune.caldarola.mc_.it

È la meta ideale per una gita all’insegna del relax. Si trova lungo la valle del Fiume Chienti, nel cuore dell’Unione Montana Monti Azzurri, diviso nei suoi versanti tra i comuni di Caldarola e Serrapetrona. La bellezza delle sue acque permette di trascorrere piacevoli giornate all’insegna di passeggiate e attività all’aria aperta. Non solo: è […]

Giostra de la Castella

Iniziata nel 1983, questa rievocazione storica si tiene la prima domenica del mese di agosto. Preceduto da un corteo in abiti del primo Rinascimento si svolge il suggestivo rito dell’Offerta, in cui i Priori delle Castella offrono il Doppiere al sacerdote che lo benedice. La disputa del Palio, un’altra autentica finestra aperta sul passato, è […]

Castello di Croce

La fortificazione è varanesca; al centro si trova la porta d’ingresso ad arco acuto che immette in un cortiletto con cisterna. La parte a sud è occupata dalla chiesa, forse ricavata posteriormente. Ha soffitto a capriate e cinque altari in legno dorato con colonne che incorniciano le tele. Andrea De Magistris affrescò la Santa Lucia […]

Castello di Vestignano

Conserva ancora possenti mura con un torrione cilindrico e torrette a base quadrata, vie strette, case basse, con tetto spiovente, archivolti e sottopassaggi. In onore del loro protettore, San Giorgio, i longobardi che occuparono la zona nell’VIII secolo costruirono un tempio, di cui restano i dipinti del catino absidale e la duecentesca scultura di S. […]

Il portale Destinazione MaMa è frutto della passione e dell’impegno degli autori.
Aiutaci a migliorarlo, scrivendoci le tue impressioni:

MaMa consiglia:

“Li Vurgacci” – Questo percorso, che si snoda su ponti e passerelle di legno, unisce alla bellezza della natura la vicinanza al centro storico del paese. Inizia dove le acque del fiume Potenza attraversano Pioraco, nel luogo in cui prende vita, quasi magicamente una serie di cascate, gorghi, fosse e forre create da anni ed anni di erosione, comprende anche alcune aree di sosta dove è possibile fermarsi per un bel picnic.

Museo della Carta e della Filigrana – Qui potrete vivere un’esperienza a cui difficilmente potrete approcciare di nuovo: la creazione a mano di fogli di carta dalla gualchiera, che vi consentirà anche di assistere all’incredibile impiego di strumenti e tecniche tipiche del Trecento.

Sagra del Gambero di Fiume – Ad agosto, non perdete questo appuntamento che, con stand gastronomici aperti a pranzo e cena, rende omaggio ad una delle più incredibili squisitezze che si
possano assaggiare sul territorio: un crostaceo di una dolcezza e di una aromaticità uniche.

Souvenir – Cercate un ricordo del borgo che vi consenta di riviverne lo spirito? Non potete fare a meno di acquistare, allora, uno degli incredibili manufatti in carta filigrana prodotti nella straordinaria Gualchiera Prolaquense.

Pioraco

MaMa consiglia:

Quanti eventi! – I principali appuntamenti del borgo? il Campionato Italiano di regolarità per Moto d’Epoca (giugno), la “Città del Miele” (luglio), la Festa della Montagna (luglio), la Sagra degli Arrosticini, la Giornata “Bandiera Arancione del TCI” (ottobre) e la Sagra della Castagna (ottobre).

 

Sosta verde – Siete pronti a perdervi tra numerosi sentieri, l’Oasi Naturalistica di Polverina e il Lago di Boccafornace?  Le bellezze naturali di questo territorio sapranno lasciarvi a bocca aperta!

 

Di gusto! – Prodotti caseari, miele, castagne e marroni, legumi, carni bovine e ovine, Distillati Varnelli, trote e pesce d’acqua dolce sapranno trasformare i vostri appuntamenti a tavola in momenti indimenticabili!

 

Rinascita – La comunità di questo paese ricchissimo di arte e storia è tenace e desiderosa di farvi innamorare delle bellezze naturalistiche che questo splendido territorio può vantare.

  

Valfornace - popup