Il Venerdì Santo

La Passione di Cristo di Mogliano

Ogni anno un’atmosfera sacra pervade le vie e le piazze del borgo e ci porta a rivivere le ultime ore della vita di Gesù. Quando le luci si spengono, gli ambienti del paese si trasformano in quadri che rappresentano la passione di Cristo, a partire dall’ultima cena, allestita sulla scalinata dello storico “Ospedale”, in Piazzale San Michele.

La Bara de Notte di Porto Recanati

Molto pittoresca è la processione del Venerdì Santo che accompagna la città di Porto Recanati sin dal Medioevo: la Bara de Notte. Un gruppo di dodici pescatori scalzi, chiamati “sciabegatti” – dal termine dialettale “sciabega”, cioè “rete da pesca” -, percorre le stazioni della Passione portando in processione la bara, una macchina di legno alta cinque metri i cui segreti di montaggio sono custoditi da un unico artigiano che li tramanda negli anni.

La Confraternita dei Sacconi di San Ginesio

Molto suggestiva è questa processione del Venerdì Santo, caratterizzata dalla costante presenza della confraternita – fondata nel 1823 dei Sacconi, così chiamati per il sacco di ruvida tela con il cappuccio che copre ampiamente il viso di chi lo indossa.

La processione del Martedì Santo

Nel periodo pasquale, a conclusione delle Quarantore, nel centro storico di Petriolo si svolge, oltre a quella del venerdì, la storica Processione Eucaristica del Martedì Santo. L’organizzazione della processione è da secoli competenza della Confraternita del Santissimo Sacramento che officia lo stupendo Santuario della Madonna della Misericordia.

Il portale Destinazione MaMa è frutto della passione e dell’impegno degli autori.
Aiutaci a migliorarlo, scrivendoci le tue impressioni:

MaMa consiglia:

“Li Vurgacci” – Questo percorso, che si snoda su ponti e passerelle di legno, unisce alla bellezza della natura la vicinanza al centro storico del paese. Inizia dove le acque del fiume Potenza attraversano Pioraco, nel luogo in cui prende vita, quasi magicamente una serie di cascate, gorghi, fosse e forre create da anni ed anni di erosione, comprende anche alcune aree di sosta dove è possibile fermarsi per un bel picnic.

Museo della Carta e della Filigrana – Qui potrete vivere un’esperienza a cui difficilmente potrete approcciare di nuovo: la creazione a mano di fogli di carta dalla gualchiera, che vi consentirà anche di assistere all’incredibile impiego di strumenti e tecniche tipiche del Trecento.

Sagra del Gambero di Fiume – Ad agosto, non perdete questo appuntamento che, con stand gastronomici aperti a pranzo e cena, rende omaggio ad una delle più incredibili squisitezze che si
possano assaggiare sul territorio: un crostaceo di una dolcezza e di una aromaticità uniche.

Souvenir – Cercate un ricordo del borgo che vi consenta di riviverne lo spirito? Non potete fare a meno di acquistare, allora, uno degli incredibili manufatti in carta filigrana prodotti nella straordinaria Gualchiera Prolaquense.

Pioraco

MaMa consiglia:

Quanti eventi! – I principali appuntamenti del borgo? il Campionato Italiano di regolarità per Moto d’Epoca (giugno), la “Città del Miele” (luglio), la Festa della Montagna (luglio), la Sagra degli Arrosticini, la Giornata “Bandiera Arancione del TCI” (ottobre) e la Sagra della Castagna (ottobre).

 

Sosta verde – Siete pronti a perdervi tra numerosi sentieri, l’Oasi Naturalistica di Polverina e il Lago di Boccafornace?  Le bellezze naturali di questo territorio sapranno lasciarvi a bocca aperta!

 

Di gusto! – Prodotti caseari, miele, castagne e marroni, legumi, carni bovine e ovine, Distillati Varnelli, trote e pesce d’acqua dolce sapranno trasformare i vostri appuntamenti a tavola in momenti indimenticabili!

 

Rinascita – La comunità di questo paese ricchissimo di arte e storia è tenace e desiderosa di farvi innamorare delle bellezze naturalistiche che questo splendido territorio può vantare.

  

Valfornace - popup