Montefiore e il Castello

Il Borgo fu costruito al confine fra gli insediamenti Longobardi del Ducato di Spoleto e i Bizantini della Pentapoli, sulla sommità di un’altura che domina la parte occidentale delle valli del Musone e del Potenza. Il castello, costruito dai recanatesi alla fine del Duecento, è visibile da Recanati e da tutto il paesaggio circostante, fino […]

Villa Beniamino Gigli a Montatrice

recanatiturismo.it

La bianca villa fu progettata dal fratello del tenore, Catervo, e all’architetto Florestano di Fausto. Si tratta di una vera reggia in stile liberty con circa 60 locali, alcuni molto fastosi come la hall, il salone delle feste, il coro liturgico, la galleria. Più di 20 sono le sale da bagno e fra esse merita […]

Bastioni

recanatiturismo.it

Le torri cilindriche furono erette nella prima metà del XV secolo ai tempi degli Sforza. Ai piedi delle mura si estende l’area dell’antico “gioco del pallone”, dove giocò e vinse Carlo Didimi, a cui Leopardi dedicò nel 1821 l’ode A un vincitore nel pallone. Maggiori informazioni? Cliccate qui: https://www.recanatiturismo.it/la-citta/palazzi

Palazzo comunale (Piazza G. Leopardi)

PH Staff Infinito Recanati

Fu costruito alla fine dell’Ottocento, in stile neoclassico, in occasione del primo centenario della nascita del poeta. D’interesse all’interno del Palazzo Comunale sono la Sala di Rappresentanza, la Sala degli Stemmi e l’Aula Consiliare. Il Palazzo Comunale ospita altresì Il Museo della Chitarra “Oliviero Pigini”, e le Sale Leopardiane, dove possono vedersi antichi carteggi e […]

Orto sul Colle dell’Infinito

infinitorecanati.it

Si tratta dell’orto del monastero medievale di Santo Stefano, riaperto nel 2019 dopo un lungo restauro. Oltre alla presenza di alberi, ortaggi e fiori, si può ancora godere della vista eccezionale che ha portato Leopardi a scrivere i versi de L’Infinito. Maggiori informazioni? Cliccate qui: https://www.comune.recanati.mc.it/index.php/it/page/orto-sul-colle-dell-infinito

Beniamino Gigli

PH Wikipedia

Tenore e attore italiano, è considerato uno dei più celebri cantanti d’opera del XX secolo. La sua era una voce omogenea, dal raro timbro che univa smalto e morbidezza, eccezionalmente dotata di armonici naturali, a tutt’oggi inconfondibile anche al primo ascolto di uno dei numerosissimi dischi lasciati dall’artista. La sua arte ha onorato le Marche […]

Giacomo Leopardi

PH Wikipedia

Annoverato tra i più importanti poeti del mondo, Giacomo Leopardi è il simbolo del genio marchigiano. Fin dall’infanzia dimostrò un intelletto acutissimo e la predisposizione ad uno studio che lui stesso definì “matto e disperatissimo”, che gli permise di conoscere diverse lingue, tra cui l’ebraico e il sanscrito. Nel 1817 iniziò la stesura dello Zibaldone, […]

Torre del Borgo MUREC

Edificata probabilmente nel 1160 come simbolo della fusione dei tre castelli che dominavano sul colle recanatese, e modificata da diversi interventi subiti nel corso dei secoli, la torre è un edificio a pianta quadrata al cui interno, dal 2016, è allestito il MUREC (Museo di Recanati), che ripercorre la storia della città – dalle origini al […]

Ex casa Gigli

Il 20 marzo 1890 nacque qui, in questo splendido edificio signorile del XVII secolo, il celebre tenore recanatese Beniamino Gigli, uno dei più celebri cantanti d’opera del XX secolo. Ultimo dei sei figli di Domenico, calzolaio e campanaro del duomo, ed Ester Magnaterra, mostrò sin da piccolissimo grandi attitudini per il canto, venendo accolto a sette anni […]

Palazzo Benedettucci

Ha sede qui, in questo palazzo le cui finestre sotto le arcate della facciata sono settecentesce, mentre il portale è risalente al Seicento, la Biblioteca “Padre Clemente Beneddettucci”, che conserva oltre 45.000 volumi, incunaboli, manoscritti, rare e preziose stampe che si riferiscono esclusivamente alla musica. Vi sono le partiture del repertorio bandistico, fantasie e trascrizioni […]

Palazzo Venieri

L’edificio fu fatto erigere dal Cardinal Venieri su disegno di Giuliano da Majano; situato sul punto più alto del centro storico della città, fu concepito a metà tra residenza e castello urbano. Nell’agosto del 1497, la morte del cardinale pose fine ai lavori della costruzione, che ripresero solo coi nuovi proprietari, nel XVIII secolo, e conferirono […]

Palazzo Roberti

È uno dei palazzi più belli della città, appartenuto alla famiglia degli omonimi marchesi. Il prospetto fu rifatto nel 1719 da Ferdinando da Bibbiena, in cotto e con decorazioni in travertino. Sempre del Bibbiena è il disegno dell’atrio d’ingresso e della maestosa scala, tra le più belle che si possano vedere a Recanati. Maggiori informazioni? Cliccate […]